Il rimbambito della settimana 1.0

Da questa settimana pubblichiamo, a insindacabile giudizio di una giuria composta da esperti perdigiorno, maestri menarrosti e cazzari diplomati (cioè io), la stupidata nella quale, persona od organizzazione, si siano distinti, attraverso pubbliche azioni o dichiarazioni, contribuendo ad abbassare il livello complessivo di intelligenza del genere umano.

Grandi pensatori, scienziati, letterati e gente comune, si danno da fare per migliorare il mondo. Niente paura! I nostri rimbambiti sanno come rendere il mondo uno schifo!

A questi campioni vogliamo dare la nostra spernacchiata.

Dopo dieci secondi tali figuri avrebbero già dovuto dire: “scusate, mi sono sbagliato, la bocca si è aperta da sola e la lingua si è espressa in una lingua a me sconosciuta. Penso di essere posseduto dal Maligno” oppure: “il compiute a scritto quello che a scritto ha mia insaputa”. Generalmente non è così, ma, anzi, questi qua pensano di aver detto chissà quale concentrato di intelligenza.

Colpa della scuola? Della Società? Dei genitori? Dei geni (per dire)? Non lo sapremo mai.

Ringraziamo i rimbambiti perché ci fanno ridere o piangere, perché ci ricordano che una rapa è una rapa e perché dimostrano ogni giorno che essere umani non significa per forza essere intelligenti.

Sono naturalmente gradite segnalazioni di rimbambiti nelle più diverse discipline della stupidità umana e non.

Questa settimana il titolo di rimbambito va all’allenatore della squadra di calcio Hellas Verona, campionato di serie B, signor (??) Andrea Mandorlini.

Dei tifosi deficienti che hanno infangato la memoria di un povero morto non ne vogliamo nemmeno parlare. Ma di un rimbambito doc come l’allenatore, sì.

I tifosi (di ogni squadra e di ogni genere) sono, si sa, poveri deficienti che giustificano ogni cosa pur di sostenere la loro parte; e già questo dice tutto. Ma da uno che fa di mestiere l’allenatore, cioè lo pagano anche, che rappresenta pure la società sportiva e che non dovrebbe fare solo l’urlatore fuori dal campo, ci si aspetterebbe capacità di dare l’esempio e un livello di intelligenza appena appena superiore e invece… Niente! (Bravo!)

Desiderio di assicurarsi la benevolenza dei ”suoi” tifosi?

Freni inibitori da registrare (subito in officina)?

O semplicemente “nol ghe riva” (non ci arriva)?

Chi lo sa. Sono sempre gli altri a provocare.

Oltretutto chi scrive abita a Verona e si vergogna un pochettino ad essere accostato a questo qua…

Motivassione del premio:

Come riportato da varie testate (aia!) giornalistiche il tennico del Verona, Andrea Mandorlini prima di arrivare allo stadio avrebbe detto: ‘Io odio Livorno’. Non contento l’allenatore alla fine della partita, si è voltato verso la tribuna ed ha mostrato agli spettatori il dito medio (della mano o del piede? Boh).

Già a suo tempo il figuro si era esibito con la “sua” squadra e la “sua” curva in cori offensivi contro i terroni di Salerno e i tutti i meridionali. All’epoca Mandorlini si giustificò sostenendo che la sua era solo una goliardata (disse di aver cantato “Italiano terrone ti amo” degli Skiantos): un raffinato esegeta della musica non sense.

Annunci

Informazioni su lamiacasetta

Mi piace prendere in giro la sfiga e riderci sopra. Per questo scrivo.
Questa voce è stata pubblicata in Questa è bella! e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il rimbambito della settimana 1.0

  1. pantano ha detto:

    eldito medio te le visto solo ti… infatti el giudice sportivo non l’ha sanzionato.. alà! Fondi indirette son sempre pericolose….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...